Rimedi contro l’Alzheimer: dopo i risultati sui topi si lavora per sviluppare un vaccino contro la demenza

Hits: 76

La malattia di Alzheimer (AD) è la principale causa di demenza legata all’età, che colpisce circa 5,7 milioni di persone negli USA. Le principali sfide includono la mancanza di trattamenti efficaci, biomarcatori affidabili o strategie preventive.

Una ricerca condotta negli USA sta cercando di sviluppare un’immunoterapia efficace attraverso un nuovo vaccino contro la demenza per rimuovere la “placca cerebrale” e gli aggregati di proteine ​​Tau legati alla malattia di Alzheimer.

I recenti successi sui topi confortano la direzione che va verso la sperimentazione umana negli anni a venire, affermano i ricercatori.

Un nuovo articolo sulla rivista Alzheimer Research & Therapy apre la strada a ulteriori test nel 2020, con i ricercatori medici dell’Istituto di medicina molecolare e dell’Università della California, Irvine (UCI) che lavorano ad un vaccino di successo formulato dal prof. Nikolai Petrovsky.

L’ultima ricerca mira a trovare un nuovo trattamento per rimuovere le placche di beta-amiloide (Aβ) accumulate e grovigli neurofibrillari composti da tau iperfosforilata, che insieme portano alla neurodegenerazione e al declino cognitivo della malattia di Alzheimer.

Le possibili nuove terapie sono state testate su topi bigenici con patologie mix Aβ e tau.

“Nel loro insieme, questi risultati giustificano l’ulteriore sviluppo di questa strategia di doppia vaccinazione basata sulla tecnologia MultiTEP per i test finali nella malattia di Alzheimer umana”, hanno concluso gli autori principali, i professori Ghochikyan e Blurton-Jones.

Il professor Petrovsky afferma che il metodo adiuvante Advax è un sistema cardine per aiutare a portare la terapia con vaccini Aβ / tau a base MultiTEP, nonché i vaccini separati mirati a queste molecole patologiche, a sperimentazioni cliniche – forse entro due anni.

“Il nostro approccio sta cercando di coprire tutte le basi e superare i precedenti blocchi nella ricerca di una terapia per rallentare l’accumulo di molecole di Aβ / tau e ritardare la progressione dell’Alzheimer in un numero crescente di persone in tutto il mondo”, ha affermato il professor Petrovsky, che lavorerà negli Stati Uniti per i prossimi tre mesi.

Diversi promettenti candidati farmacologici hanno fallito negli studi clinici, quindi la ricerca di nuove prevenzione o terapie continua.

Un recente rapporto sull’anticorpo monoclonale umano, aducanumab, ha mostrato che un’alta dose di questo anticorpo ha ridotto il declino clinico nei pazienti con AD precoce, misurato da endpoint primari e secondari.

Tuttavia, è ovvio che non potrebbe essere usato come misura preventiva in soggetti sani a causa della necessità di una somministrazione frequente (mensile) di alte concentrazioni di immunoterapici.

Il professor Ghochikyan afferma che c’è un urgente bisogno di continuare a cercare un nuovo vaccino preventivo per ritardare l’Alzheimer e rallentare la progressione di questa malattia devastante.

(Fonte: sky tg24)