La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Scoperto un rettile preistorico estinto e sconosciuto che viveva tra i dinosauri

Scoperto un rettile preistorico estinto e sconosciuto che viveva tra i dinosauri

Hits: 58

I ricercatori dello Smithsonian hanno scoperto una nuova specie estinta di rettile simile a una lucertola che appartiene allo stesso antico lignaggio del tuatara vivente della Nuova Zelanda. Un team di scienziati, tra cui il curatore di Dinosauria del Museo Nazionale di Storia Naturale Matthew Carrano e il ricercatore associato David DeMar Jr. così come l’ University College London e il Natural History Museum, il socio scientifico londinese Marc Jones, descrivono la nuova specie Opistiamimus gregori , che un tempo abitava il Giurassico del Nord America circa 150 milioni di anni fa insieme a dinosauri come Stegosaurus e Allosaurus, in un articolo pubblicato oggi sul Journal of Systematic Paleontology (https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/14772019.2022.2093139?cookieSet=1.. In vita, questo rettile preistorico sarebbe stato di circa 16 centimetri (circa 6 pollici) dal naso alla coda, e si sarebbe inserito rannicchiato nel palmo di una mano umana adulta, e probabilmente sarebbe sopravvissuto con una dieta di insetti e altri invertebrati.
“La cosa importante del tuatara è che rappresenta questa enorme storia evolutiva che siamo abbastanza fortunati da cogliere in quello che è probabilmente il suo atto conclusivo”, ha detto Carrano. “Anche se sembra una lucertola relativamente semplice, incarna un’intera epopea evolutiva che risale a più di 200 milioni di anni.”
La scoperta proviene da una manciata di esemplari, tra cui uno scheletro fossile straordinariamente completo e ben conservato, scavato da un sito incentrato su un nido di Allosaurus nella Formazione Morrison nel Wyoming settentrionale. Ulteriori studi sulla scoperta potrebbero aiutare a rivelare perché l’antico ordine di rettili di questo animale è stato sminuito dall’essere vario e numeroso nel Giurassico al solo tuatara della Nuova Zelanda che sopravvive oggi.
Il tuatara assomiglia un po’ a un’iguana particolarmente robusta, ma il tuatara e il suo parente appena scoperto non sono affatto lucertole. In realtà sono rincocefali, un ordine che si è discostato dalle lucertole almeno 230 milioni di anni fa, ha detto Carrano.
Nel loro periodo d’oro giurassico, i rincocefali sono stati trovati in quasi tutto il mondo, erano di dimensioni grandi e piccole e hanno ricoperto ruoli ecologici che vanno dai cacciatori di pesci acquatici agli ingombranti mangiatori di piante. Ma per ragioni che non sono ancora del tutto comprese, i rincocefali sono quasi scomparsi quando lucertole e serpenti sono diventati i rettili più comuni e più diversi in tutto il mondo.
Questo abisso evolutivo tra lucertole e rincocefali aiuta a spiegare le strane caratteristiche del tuatara come i denti fusi con l’osso mascellare, un movimento masticatorio unico che fa scorrere la mascella inferiore avanti e indietro come una lama di sega, una durata di oltre 100 anni e una tolleranza per climi più freddi.
Seguendo la descrizione formale di O. gregori , Carrano ha affermato che il fossile è stato aggiunto alle collezioni del museo dove rimarrà disponibile per studi futuri, forse un giorno aiutando i ricercatori a capire perché la tuatara è tutto ciò che resta dei rincocefali, mentre le lucertole sono ora trovato in tutto il mondo.
“Questi animali potrebbero essere scomparsi in parte a causa della concorrenza delle lucertole, ma forse anche a causa dei cambiamenti globali del clima e del cambiamento degli habitat”, ha detto Carrano. “È affascinante quando hai il predominio di un gruppo che lascia il posto a un altro gruppo nel tempo evolutivo, e abbiamo ancora bisogno di più prove per spiegare esattamente cosa è successo, ma fossili come questo sono il modo in cui lo metteremo insieme”.
I ricercatori hanno chiamato la nuova specie in onore del volontario del museo Joseph Gregor che ha trascorso centinaia di ore a raschiare e scalpellare meticolosamente le ossa di un blocco di pietra che ha catturato per la prima volta l’occhio del preparatore di fossili del museo Pete Kroehler nel 2010.
“Pete è una di quelle persone che ha una sorta di visione a raggi X per questo genere di cose”, ha detto Carrano. “Ha notato due minuscoli granelli di osso sul lato di questo blocco e ha segnato che doveva essere riportato indietro senza una vera idea di cosa ci fosse dentro. A quanto pare, ha vinto il jackpot”.
Il fossile è quasi del tutto completo, ad eccezione della coda e parti delle zampe posteriori. Carrano ha detto che uno scheletro così completo è raro per piccole creature preistoriche come questa perché le loro fragili ossa sono state spesso distrutte prima di fossilizzarsi o mentre emergono da una formazione rocciosa in erosione ai giorni nostri. Di conseguenza, i rincocefali sono per lo più noti ai paleontologi da piccoli frammenti delle loro mascelle e denti.
Dopo che Kroehler, Gregor e altri avevano liberato dalla roccia tanto del minuscolo fossile quanto era possibile data la sua fragilità, il team, guidato da DeMar, ha iniziato a scansionare il fossile con la tomografia computerizzata (TC) ad alta risoluzione, un metodo che utilizza più immagini a raggi X da diverse angolazioni per creare una rappresentazione 3D del campione. Il team ha utilizzato tre diverse strutture di scansione TC, inclusa una ospitata presso il Museo Nazionale di Storia Naturale, per catturare tutto ciò che è possibile sul fossile.
Una volta che le ossa del fossile sono state rese digitalmente con una precisione inferiore a un millimetro, DeMar ha iniziato a rimontare le ossa digitalizzate del cranio, alcune delle quali erano schiacciate, fuori posto o mancanti su un lato, utilizzando un software per creare alla fine un 3D quasi completo ricostruzione. Il teschio ricostruito in 3D offre ora ai ricercatori uno sguardo senza precedenti sulla testa di questo rettile dell’età giurassica.
Date le dimensioni ridotte, la forma del dente e il cranio rigido di Opistiamimus , probabilmente si nutriva di insetti, ha detto DeMar, aggiungendo che nel menu avrebbero potuto essere anche prede con gusci più duri come scarafaggi o cimici d’acqua. In linea di massima, la nuova specie assomiglia un po’ a una versione miniaturizzata del suo unico parente sopravvissuto (i tuatara sono circa cinque volte più lunghi).
“Un esemplare così completo ha un enorme potenziale per fare confronti con fossili raccolti in futuro e per identificare o riclassificare esemplari già presenti in un cassetto del museo da qualche parte”, ha affermato DeMar. “Con i modelli 3D che abbiamo, a un certo punto potremmo anche fare studi che utilizzano software per esaminare la meccanica della mascella di questa creatura”.