Concluso il congresso Ministero Salute, ANSPI e ANCIM: “Avviato percorso virtuoso per le isole minori”

Hits: 23

La conclusione del Congresso, organizzato nell’auditorium del Ministero della salute il 25 Novembre 2019 dal Ministero stesso, ANSPI ed ANCIM sul tema dell’equità e garanzia dei
LEA nelle piccole isole, segna di fatto l’inizio di un percorso di lavoro condiviso e sinergico di soggetti diversi mirato a strutturare un sistema peculiare di risposta ai bisogni di salute dei Cittadini che insistono su questi territori.
Questo  percorso  virtuoso  è  stato  attivato  dalla  Direzione  Generale della Programmazione  del Ministero  della  salute  d’intesa  con la  Presidenza  ANSPI  e la  Direzione ANCIM.
I lavori congressuali si sono articolati in quattro tavole rotonde di altissimo valore sia dal punto di vista scientifico che politico sanitario e sindacale: questo sia per i contenuti delle tematiche  trattate,  sia  per  il  livello  dei  Relatori  ha  rappresentato  un significativo  valore aggiunto per l’evento.
Il susseguirsi degli interventi ed i costruttivi dibattiti a cui l’uditorio ha dato vita hanno fatto compiutamente emergere tutti gli aspetti caratterizzanti le difficoltà e le opportunità che un  sistema  sanitario  importante  come  il  nostro  deve  declinare  secondo  i  suoi  principi fondanti, primo  fra  tutti quello dell’equità nella  fruizione al diritto alla salute da garantire a tutti i Cittadini indipendentemente dalla loro collocazione geografica.
E’ stata rappresentata in maniera unanime la necessità di istituire ed istituzionalizzare un  processo  strutturato  per  la costruzione  di  un  modello  prototipale  di  risposta  ai  bisogni socio  sanitari  di  queste  popolazioni,  che  tenga  conto  della loro  particolare  complessità,  che peraltro  li  connota  e  li  caratterizza  in  maniera  peculiare  e  definita;  è  stato nuovamente ribadito  e  condiviso  che  il  contesto  isole  minori si  presta  in  maniera  ideale  per  la strutturazione  di modelli  innovativi  di  servizi  e  per  la  relativa  valutazione  in  termini  di efficienza, efficacia e sostenibilità, anche nell’ottica di una eventuale loro scalabilità.
L’impegno  scientifico  e  politico  che  la  realizzazione  di  quanto  sopra  richiede,  deve essere convogliato e strutturato in maniera operativa attraverso percorsi istituzionali definiti che i lavori congressuali hanno chiaramente individuato nel Ministero della Salute e nella sua centralità  per  individuare  le  soluzioni  per  omogenizzare  al  massimo  i  criteri  di implementazione  dei  modelli  in  contesti  che  afferiscono  a  sette  sistemi  sanitari  regionali differenti.
La  stesura  di  una  conference  statement seguirà  a breve  e  si  connoterà  come il  primo atto concreto di questo nuovo impegno comune al quale ANSPI assicura il suo pieno supporto.