Intitolata un’aula del Policlinico al prof. Francesco Guzzetta

Hits: 150

di Giuseppe Ruggeri

 

Policlinico di Messina

Intitolata una sala riunioni del Padiglione NI del Policlinico di Messina al prof. Francesco Guzzetta, già ordinario di Neuropsichiatria Infantile della nostra Università scomparso un anno fa. Nell’occasione, la comunità scientifica dell’U.O.C. Neuropsichiatria Infantile dell’A.O.U. di Messina, in sinergia con quella del Policlinico “Gemelli” di Roma, ha voluto ricordare la figura accademica e l’opera scientifica di Guzzetta.

“Francesco Guzzetta: un’idea di neuropsichiatria ancora attuale?” il titolo della giornata di studio promossa e organizzata dagli ex-allievi del prof. Guzzetta e coordinata dalla collega Maria Spanò. A relazionare, i colleghi Eugenio Mercuri, Gaetano Tortorella, Andrea Guzzetta, Domenica Battaglia, Daniela Pia Rosaria Chieffo, Maria Bonsignore, Carmela Tata, Giuseppina Prestipino, Grazia Braccini, Domenica L. Sgrò, M.F. Frisone, Salvatore Bagalà, Giuseppina Russo, Margherita Lo Giudice.

Il prof. Francesco Guzzetta, titolare della cattedra di Neuropsichiatria Infantile fin dal 1963, ha diretto la clinica di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico di Messina dal 1980 al 1996, anno in cui si trasferì a Roma per svolgere la propria attività presso il Policlinico “Gemelli”.

Il suo contributo scientifico ha aperto nuove strade nel settore della neurologia neonatale, dell’epilessia e del neurovisivo. Precursore degli approcci integrati e delle reti di saperi, Guzzetta ha sempre dimostrato viva curiosità nei confronti dei nuovi filoni di ricerca in tema di visione olistica del bambino. Studioso dello sviluppo cognitivo neonatale e dell’età evolutiva, fu instancabile promotore di meeting e congressi internazionali sull’argomento. Sotto la sua guida, la Clinica messinese si attrezzò di nuove strutture e metodi di ricerca all’avanguardia. Nel 1988 venne inaugurata l’attività del reparto degenze, dei laboratori, il Day Hospital e gli ambulatori (tra cui quello di pedopsichiatria). Nell’estate del 1994 venne aperto il Centro di riabilitazione per bambini cerebrolesi e, nell’autunno dello stesso anno, la scuola elementare, anche ai bambini del quartiere di Gazzi. Il prof. Guzzetta diresse anche la scuola di specializzazione in Neuropsichiatria Infantile, il corso di perfezionamento in Neurologia Pediatrica e il dottorato in Neuroscienze dello Sviluppo.

Figlio del noto grecista Vito Guzzetta, che aveva insegnato presso il Liceo-ginnasio “Maurolico”, Guzzetta era inoltre un raffinato pianista e un appassionato uomo di cultura, sempre attento alle vicende della “sua” Messina.