Analisi farmacoeconomia relativa alle associazioni di ezetimibe e statine

Hits: 65

Con il DA 1634 del 29 luglio 2019 sono state individuate le classi terapeutiche con il maggior scostamento, in termini di numero di prescrizioni e relativa spesa, rispetto alla media nazionale. In tale contesto, sono stati inclusi i medicinali appartenenti alla categoria ATC C10: “sostanze modificatrici dei lipidi ”, che includono le associazioni di ezetimibe + statine.
Nell’allegato vengono riportate informazioni inerenti i costi delle terapie relative alle associazioni di ezetimibe + statine, in combinazione precostituita o in formulazione estemporanea, il cui impiego, ai sensi della nota AIFA, 13 è riservato, in seconda linea, nei pazienti con:
⦁ ipercolesterolemia non corretta dalla sola dieta e ipercolesterolemia poligenica, con rischio alto e/o molto alto;
⦁ dislipidemia familiare monogenica (FH);
⦁ iperlipidemia familiare combinata, disbetaliproteinemia;
e, in prima linea, neH’iperlipidemia con livelli di LDL-C > 130 mg/dl in pazienti con insufficienza renale cronica moderata e grave.

A tal proposito, si ribadisce come l’impiego delle associazioni precostituite di ezetimibe + rosuvastatina possa essere avviato soltanto nei pazienti adulti adeguatamente controllati con i singoli principi attivi somministrati contemporaneamente allo stesso dosaggio dell’associazione fìssa, ma in formulazione estemporanea.

Per i dettagli scaricare il documento