La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Ossigenazione iperbarica: un’occasione in più

Ossigenazione iperbarica: un’occasione in più

Views: 259

Wound Care e OTI
di Francesco Oliva

L’Ossigeno è un farmaco e l’ossigenoterapia iperbarica è appunto un trattamento farmacologico, durante il quale il paziente respira ossigeno al 100% ad una pressione superiore rispetto a quella atmosferica.
Tale situazione permette all’ossigeno respirato durante il trattamento di essere trasportato in quantità direttamente proporzionali alla pressione appunto iperbarica (legge di Henry) “A temperatura costante, il quantitativo di gas che si può disciogliere in un liquido è proporzionale alla pressione che quel gas esercita sulla superficie del liquido.”


E’ comprensibile che il trattamento riuscirà a trasportare l’ossigeno in grandi quantità anche laddove non arriva il sangue circolante, poiché sciolto nel plasma e non soltanto legato all’emoglobina, si innescheranno così tutti i processi metabolici, riparativi e ricostruttivi che necessitano di O2 per attivarsi. Questi processi, in tutti i pazienti con lesioni compartimentali e/o con processi di infezioni necrosanti dei tessuti molli nonché nelle osteomieliti croniche refrattarie all’antibioticoterapia, innescano una rapida evoluzione demarcando con nettezza il tessuto necrotico non più recuperabile dal tessuto sano che grazie all’O2 si rigenera. La complessità assistenziale nei pazienti con lesioni cutanee, obbliga ad un
ripensamento profondo ed ad una conseguente riprogettazione sia dei luoghi di cura, che dei modelli organizzativi assistenziali, per favorire l’integrazione ospedale-territorio e ridefinire modelli di assistenza che prevedano il coinvolgimento della persona e della famiglia in chiave proattiva e sviluppando l’empowerment dell’assistito.
Il paziente, giunto alla nostra osservazione, viene valutato per il trattamento in camera iperbarica e contemporaneamente nell’ambulatorio wound care, presso il quale siamo coadiuvati da specialisti quali Ortopedici, Chirurghi Vascolari e Plastici, Endocrinologi ecc. che permettono di attuare un trattamento interdisciplinare ai soggetti con lesioni osteomielitiche o dei tessti molli,

Presso il nostro ambulatorio “Wound Care” si effettuano:
 Valutazione del tipo di lesione
 Debrindement chirurgico con anestesia locoregionale
 Rimozione asportativa e non asportativa di infezione e/o necrosi
 Elastocompressione
 Medicazioni avanzate
 Esame colturale della lesione e antibiogramma.
Grazie alle medicazioni avanzate siamo riusciti a migliorare la qualità di vita delle persone ed a migliorare anche la compliance nei pazienti con lesioni croniche poiché, questi prodotti, ci hanno dato la possibilità di migliorare gli aspetti legati alla rimozione dolorosa e frequente della medicazione, alla durata della medicazione, alla gestione dell’essudato, al
confort dei materiali e non ultima alla rapidità di guarigione.
Durante la nostra esperienza ventenale di wound care, abbiamo avuto l’opportunità di utilizzare molti prodotti che ci

hanno permesso di migliorare tutti gli aspetti sopra descritti. Materiali innovativi realizzati dalle aziende del settore quali Idrofibre di cellulosa con e senza argento, hanno la apacità di gestire in modo ottimale l’essudato,
Alginato di calcio con e senza argento. laddove l’essudato è ridotto per migliorare i processi di riparazione, Acido jaluronico Sulfadiazina Ag., per gestire le infezioni antibiotico-resistenti, Schiume in poliuretano per gestire un essudato moderato, Rigenoma Ozonidi in garze grasse crema e olio che hanno capacità disinfettante emoliente antinfiammatoria e riparativa allo stesso tempo.
Per questo un grazie, da parte dei nostri pazienti, va alla ricerca nel campo delle medicazioni avanzate.
Equipe Iperbarici
A.O. Papardo

Link articoli precedentemente pubblicati:

https://www.messinamedica.it/2021/02/ossigenazione-iperbarica-una-occasione-in-piu/

https://www.messinamedica.it/2021/02/ossigenazione-iperbarica-una-occasione-in-piu-modalita-di-accesso-e-controindicazioni/