La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Taiwan domina la fornitura mondiale di chip per computer: non c’è da stupirsi che gli Stati Uniti siano preoccupati

Taiwan domina la fornitura mondiale di chip per computer: non c’è da stupirsi che gli Stati Uniti siano preoccupati

Views: 101

Maria Ryan (Professore Associato di Storia degli Stati Uniti, Università di Nottingham) Ha pubblicato un attualissimo e interessante articolo su The Conversation

Un aspetto del viaggio di Nancy Pelosi a Taiwan che è stato ampiamente trascurato è il suo incontro con Mark Lui, presidente della Taiwan Semiconductor Manufacturing Corporation (TSMC). Il viaggio di Pelosi ha coinciso con gli sforzi degli Stati Uniti per convincere TSMC – il più grande produttore di chip al mondo, da cui gli Stati Uniti dipendono fortemente – a stabilire una base di produzione negli Stati Uniti ea smettere di produrre chip avanzati per le aziende cinesi.

Il sostegno degli Stati Uniti a Taiwan si è storicamente basato sull’opposizione di Washington al governo comunista a Pechino e sulla resistenza di Taiwan all’assorbimento da parte della Cina. Ma negli ultimi anni, l’autonomia di Taiwan è diventata un interesse geopolitico vitale per gli Stati Uniti a causa del predominio dell’isola nel mercato manifatturiero dei semiconduttori.

I semiconduttori, noti anche come chip per computer o semplicemente chip, sono parte integrante di tutti i dispositivi collegati in rete che sono diventati incorporati nelle nostre vite. Hanno anche applicazioni militari avanzate.

Internet 5G trasformazionale e super veloce sta abilitando un mondo di dispositivi connessi di ogni tipo (l'” Internet delle cose “) e una nuova generazione di armi in rete. Con questo in mente, i funzionari statunitensi hanno iniziato a rendersi conto durante l’amministrazione Trump che le società statunitensi di progettazione di semiconduttori, come Intel, dipendevano fortemente dalle catene di approvvigionamento con sede in Asia per la produzione dei loro prodotti.

In particolare, la posizione di Taiwan nel mondo della produzione di semiconduttori è un po’ come lo status dell’Arabia Saudita nell’OPEC. TSMC detiene una quota di mercato del 53% del mercato globale delle fonderie (fabbriche appaltate per la produzione di chip progettati in altri paesi). Altri produttori con sede a Taiwan rivendicano un ulteriore 10% del mercato.

Di conseguenza, il rapporto di revisione della catena di approvvigionamento di 100 giorni dell’amministrazione Biden afferma: “Gli Stati Uniti dipendono fortemente da un’unica azienda, TSMC, per la produzione dei suoi chip all’avanguardia”. Il fatto che solo TSMC e Samsung (Corea del Sud) possano realizzare i semiconduttori più avanzati (di dimensioni di cinque nanometri) “mette a rischio la capacità di soddisfare le esigenze attuali e future della sicurezza nazionale [USA] e delle infrastrutture critiche” .

Ciò significa che l’obiettivo a lungo termine della Cina di riunificarsi con Taiwan è ora più minaccioso per gli interessi degli Stati Uniti. Nel comunicato di Shanghai del 1971 e nel Taiwan Relations Act del 1979, gli Stati Uniti hanno riconosciuto che le persone sia nella Cina continentale che a Taiwan credevano che ci fosse “una Cina” e che entrambi appartenessero ad essa. Ma per gli Stati Uniti è impensabile che TSMC possa un giorno trovarsi nel territorio controllato da Pechino.

“Guerra tecnologica”

Per questo motivo, gli Stati Uniti hanno cercato di attirare TSMC negli Stati Uniti per aumentare la capacità di produzione interna di chip. Nel 2021, con il supporto dell’amministrazione Biden, l’azienda ha acquistato un sito in Arizona su cui costruire una fonderia statunitense. Questo dovrebbe essere completato nel 2024.

Il Congresso degli Stati Uniti ha appena approvato il Chips and Science Act , che fornisce sussidi per 52 miliardi di dollari (43 miliardi di sterline) per sostenere la produzione di semiconduttori negli Stati Uniti. Ma le aziende riceveranno finanziamenti dal Chips Act solo se acconsentiranno a non produrre semiconduttori avanzati per le aziende cinesi.

Ciò significa che TSMC e altri potrebbero dover scegliere tra fare affari in Cina e negli Stati Uniti perché il costo di produzione negli Stati Uniti è considerato troppo alto senza sussidi governativi.

TSMC: il più grande produttore mondiale di semiconduttori. EPA-EFE/David Chang

Tutto ciò fa parte di una più ampia “guerra tecnologica” tra Stati Uniti e Cina, in cui gli Stati Uniti mirano a limitare lo sviluppo tecnologico della Cina e impedirle di esercitare un ruolo di leadership tecnologica globale.

Nel 2020, l’amministrazione Trump ha imposto sanzioni schiaccianti al colosso tecnologico cinese Huawei, progettate per isolare l’azienda da TSMC, da cui dipendeva per la produzione di semiconduttori di fascia alta necessari per il suo business delle infrastrutture 5G.

Huawei era il principale fornitore mondiale di apparecchiature di rete 5G, ma gli Stati Uniti temevano che le sue origini cinesi rappresentassero un rischio per la sicurezza (sebbene questa affermazione sia stata messa in dubbio ). Le sanzioni sono ancora in vigore perché sia ​​i repubblicani che i democratici vogliono impedire ad altri paesi di utilizzare le apparecchiature 5G di Huawei.

Il governo britannico aveva inizialmente deciso di utilizzare le apparecchiature Huawei in alcune parti della rete 5G del Regno Unito. Le sanzioni dell’amministrazione Trump hanno costretto Londra a revocare tale decisione .

Un obiettivo chiave degli Stati Uniti sembra essere quello di porre fine alla loro dipendenza dalle catene di approvvigionamento in Cina o Taiwan per “tecnologie emergenti e fondamentali”, che includono semiconduttori avanzati necessari per i sistemi 5G, ma potrebbero includere altre tecnologie avanzate in futuro.

Il viaggio di Pelosi a Taiwan è stato qualcosa di più del semplice posto critico di Taiwan nella “guerra tecnologica”. Ma il predominio della sua compagnia più importante ha conferito all’isola una nuova e critica importanza geopolitica che rischia di aumentare le tensioni esistenti tra Stati Uniti e Cina sullo status dell’isola. Ha anche intensificato gli sforzi degli Stati Uniti per “ricollocare” la sua catena di approvvigionamento di semiconduttori.

Fonte: The Conversation