La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Donna e Mamma: progetto di Amore e di Salute

Donna e Mamma: progetto di Amore e di Salute

Hits: 201

Conferenza promossa dall’Associazione Mogli Medici Italiani, presso l’Ordine Dei Medici della Provincia di Messina, su un argomento di particolare rilievo l’allattamento materno che costituisce il modello di riferimento per l’alimentazione della prima infanzia e rappresenta un beneficio per la salute della donna e del bambino.

L’incontro, magistralmente  moderato dalla dott. Maria Pia Calabrò ,cardiologa pediatra del Policlinico Universitario, è stato preceduto dall’intervento del Dott. Aurelio Lembo, consigliere dell’Ordine dei Medici, in rappresentanza del Presidente Giacomo Caudo che, dopo i Saluti, si è complimentato per l’interessante tematica affrontata  dall’associazione mogli medici italiani, sempre attenta alla divulgazione della prevenzione e della salute.

Ad introdurre i lavori la Presidente dell’Ammi, Lilly Cuomo Cavallaro, che  con vivo compiacimento ha ringraziato il numeroso pubblico presente e le relatrici la Dott. Angela Silvestro Monea, consigliera dell’Ordine del Medici, Pediatra e già direttore dell’Unità di Pediatria e Neonatologia del Papardo e la Dott. Sabrina Assenzio, Dietista e responsabile della Banca del latte umano donato.

L’accento sulla importanza dell’allattamento materno  è stato sottolineato dalla Dott. Silvestro che ha evidenziato come  Il latte materno apporta tutte le sostanze essenziali che assicurano un’ottima crescita, inoltre la sua composizione garantisce importanti fattori protettivi in grado di salvaguardare la salute futura del neonato difendedolo dalle  infezioni e proteggendolo da molte malattie .

La Dott. Assenzio ha parlato del “ Gala Blund “, la banca del latte umano donato, un servizio ospedaliero attivato nell’unità di Neonatologia del Policlinico, per i neonati prematuri che hanno bisogno di recuperare peso tramite la migliore nutrizione possibile.

A conclusione dei lavori sono state consegnate delle targhe ricordo alle relatrici.