La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Le tre richieste di AIMO al ministro Schillaci, da rivisione DM 70 a nuove apparecchiature per interventi cataratta

Le tre richieste di AIMO al ministro Schillaci, da rivisione DM 70 a nuove apparecchiature per interventi cataratta

Visits: 108

Comunicato stampa

Rivedere il DM 70, prevedendo all’interno dei presidi ospedalieri unità operative complesse di oculistica; garantire l’acquisto di nuove apparecchiature tecnologicamente avanzate per interventi alla cataratta; necessità di una migliore presa in carico del paziente con maculopatia al fine di ottenere un risparmio di risorse. Sono queste, in sintesi, le tre richieste contenute in una lettera inviata al ministro della Salute, Orazio Schillaci, dagli oculisti di AIMO, l’associazione che riunisce circa 1.700 iscritti tra oculisti e medici specializzandi in oculistica che esercitano la professione in Italia. “Ci preme focalizzare l’attenzione su tre punti a nostro parere importanti”, si legge nel testo a firma della presidente dell’Associazione, la dottoressa Alessandra Balestrazzi, e del referente per i rapporti con le istituzioni di AIMO, il dottor Luca Menabuoni.

Primo punto, dunque, la revisione del DM 70: “Le malattie oculari colpiscono frequentemente le persone anziane, quindi la maggioranza dei pazienti oftalmologici presenta delle comorbilità (come diabete, ipertensione, cardiopatie, demenza senile ecc.) ed è richiesto in molte occasioni il supporto di più specialisti nei percorsi diagnostico terapeutici”. Per questo gli oculisti di AIMO ritengono che i presidi ospedalieri di I livello, anche per il bacino d’utenza previsto e per la presenza delle altre specialità, debbano “prevedere al loro interno anche una UOC o almeno una UOSD di oculistica per poter rispondere ai bisogni di salute visiva della popolazione e per le possibili necessità del pronto soccorso e/o dei vari altri reparti (in particolare neurologia, medicina interna e pediatria)”.

Secondo punto, la necessità di garantire l’acquisto di “indispensabili nuove apparecchiature tecnologicamente avanzate” per la chirurgia oftalmica in generale e per quella della cataratta in particolare: “Tali apparecchiature sono necessarie a scopo diagnostico e terapeutico”, sottolineano ancora gli oculisti di AIMO. Balestrazzi e Menabuoni colgono poi l’occasione per sottoporre all’attenzione del ministro Schillaci le “inaccettabili” recenti dichiarazioni del presidente della SOI (Società Oftalmologica Italiana), secondo cui l’Italia sarebbe oggi diventata “l’ultimo Paese d’Europa per assistenza oculistica”, mentre il Servizio sanitario nazionale metterebbe a disposizione dei cittadini una chirurgia della cataratta “poco efficace, obsoleta e di insufficiente qualità”. L’Italia, ribatte invece AIMO, ha “un’ottima assistenza pubblica oftalmologica, in grado di gestire situazioni complesse”.

Terzo punto, infine, la necessità di una migliore presa in carico del paziente con maculopatia per avere un risparmio di risorse. “Sono state avviate indagini della Guardia di Finanza sull’appropriatezza prescrittiva e sui costi delle terapie intravitreali nella Regione Lazio e sembra in alcune regioni limitrofe. Viene preso in considerazione il solo costo del farmaco- scrivono gli oculisti nella lettera inviata a Schillaci- eppure le analisi di costo della patologia prodotte da Scuole di Economia e Management dei Sistemi sanitari quantificano ad oggi il costo complessivo dell’assistenza al paziente con degenerazione maculare legata all’età in 60mila euro e stimano che, con una migliore presa in carico, la cifra può ridursi di quasi la metà”. Secondo le recenti analisi, la miglior presa in carico di un singolo paziente con degenerazione maculare porterebbe invece ad un risparmio di risorse “di quasi 24mila su una stima lifetime pro capite”, concludono.

L’Associazione:

L’AIMO, nata a Roma nel 2010, è un’associazione che riunisce circa 1.500 iscritti tra oculisti e medici specializzandi in oculistica che esercitano la professione in Italia a qualunque categoria appartengano: universitari, ospedalieri, convenzionati, specialisti ambulatoriali e libero professionisti. Tutte le categorie sono rappresentate nel Consiglio Direttivo. L’A.I.M.O. è iscritta nel Registro delle persone giuridiche ai sensi del D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361.

L’Associazione non ha scopo di lucro e si prefigge soprattutto di tutelare la figura morale e professionale del medico oculista in un’ottica di trasparenza, coinvolgimento dei soci e contenimento dei costi. In particolare, l’AIMO si prefigge di promuovere l’aggiornamento scientifico-professionale, di favorire il collegamento di tutti i medici oculisti ovunque esercitino la professione, di promuovere e affiancare ogni iniziativa per il miglioramento delle condizioni di carriera, giuridiche e culturali dei medici oculisti