La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Nasce a Pavia il primo corso di perfezionamento in Italia per le Associazioni dei pazienti oncologici e oncoematologici per fare avere loro più voce nei tavoli decisionali

Nasce a Pavia il primo corso di perfezionamento in Italia per le Associazioni dei pazienti oncologici e oncoematologici per fare avere loro più voce nei tavoli decisionali

Visits: 23

Il Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” in collaborazione con l’Università degli Studi di Pavia promuove il primo Corso di perfezionamento dedicato interamente alle Associazioni dei pazienti oncologici e oncoematologici aderenti al progetto di advocacy.
Questa prima edizione ha l’obiettivo di fornire le conoscenze teoriche e gli strumenti pratici necessari ad accrescere la capacità di advocacy delle Associazioni, ovvero la capacità di rappresentare e difendere i diritti dei pazienti oncologici e oncoematologici ed essere parte attiva nel ridisegnare la Sanità di domani. Il Corso intende insegnare alle Associazioni di pazienti come partecipare ai tavoli istituzionali, nazionali e regionali, e come contribuire e condividere le decisioni dei politici, e non solo, in ambito medico-sanitario.
Il Corso, sotto la direzione della Professoressa Laura Deborah Locati insieme ad Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” rappresenta un ulteriore e fondamentale passo in avanti nell’accrescere le competenze delle Associazioni dei pazienti afferenti al Gruppo e migliorare il costante dialogo con i referenti istituzionali attivi in Sanità. Finalità del Corso è quella di formare i pazienti e permettere loro di assumere un ruolo attivo e propositivo nei processi decisionali pubblici grazie alle conoscenze e all’esperienza acquisite.
«L’Università degli Studi di Pavia con le sue professionalità è ritenuta a livello internazionale un fiore all’occhiello della sanità italiana – dichiara Annamaria Mancuso, Presidente Salute Donna OdV e Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” – Un Ateneo che pone al centro della sua missione l’insegnamento, la ricerca scientifica e il malato. È dunque un vero privilegio per me e per le 45 Associazioni afferenti al Gruppo, essere riusciti a dare il via a questa alleanza virtuosa tra clinici e ricercatori del mondo accademico e associazionismo attivo nella tutela dei pazienti oncologici e oncoematologici.

Sono convinta che a guidarci siano gli stessi principi ispiratori, abbiamo davanti le stesse enormi sfide e un unico obiettivo: rendere la sanità di domani sostenibile e accessibile a tutti coloro che convivono con una diagnosi di tumore. L’advocacy va intesa come lotta per un cambiamento positivo ed è per questo che il Gruppo dal 2014 è accanto ai pazienti. Ma è necessario che queste Associazioni, che vivono sulla propria pelle la malattia, i bisogni e le criticità, diventino anche formate e consapevoli affinché le conoscenze acquisite attraverso l’esperienza diretta e l’insegnamento, vengano messe a disposizione della comunità scientifica e le questioni di interesse siano inserite nelle Agende politiche e portate ai tavoli decisionali, dove far ascoltare la nostra voce. Il valore di questo Corso di perfezionamento è duplice proprio grazie al sostegno e alla collaborazione del mondo Accademico che l’Università di Pavia rappresenta come alta eccellenza nel suo settore».