Comunicato della CISL medici Enna su mancato conferimento di incarichi da parte dell’Asp

Hits: 132

Dopo che il dott. Rosario Cunsolo si è trasferito all’Ospedale San Vincenzo di Taormina si è reso vacante il posto di Direttore Sanitario del presidio di Enna 1 (Presidi ospedalieri di Enna e Piazza Armerina). All’incirca nello stesso periodo stesso destino toccava anche al posto di Direttore di Presidio di Enna 2 (presidio Ospedaliero di Nicosia e Leonforte).
Tutti e due gli incarichi erano ricoperti da supplenti visto che per quello di Enna 1 il titolare è il dott. Emanuele Cassarà e per Enna 2 la dott.ssa Lia Murè, entrambi in atto in aspettativa perché destinati ad altri incarichi (direzione sanitaria aziendale).
Conseguentemente è stato bandito concorso per l’assunzione temporanea a titolo di supplenza, per la durata dell’aspettativa concessa ai titolari, per entrambi i posti in questione. Allo scadere dei termini hanno presentato la domanda sei candidati, tutte conformi ai requisiti richiesti e pertanto accettati. Si procedeva quindi al sorteggio della commissione esaminatrice e si individuavano sia i componenti titolari che i supplenti, giusta delibere n. 322 e 308 anno 2017.
Da allora il procedimento concorsuale si è bloccato e non sta andando avanti.
Nel frattempo il presidio di Enna 2 è stato affidato alla Dottoressa Silvana Greco, che è contemporaneamente responsabile del territorio; destino diverso invece ha avuto il Presidio di Enna 1, per il quale l’incarico è stato temporaneamente affidato al Dott. Michele Politi (primario di anestesia) in procinto di pensionarsi. Di fatto la funzione di Direttore Sanitario di Presidio è stata surrogata dal suo sostituto presso l’UOC di Anestesia Dott. Nello Savoca. Entrambi non provenivano dalla prevista area igienico-organizzativa.
Dal momento in cui Politi è andato in pensione la Direzione aziendale ha nominato Direttore di Presidio il Primario di Ostetrica e Ginecologia La Ferrera, reparto con 1045 parti all’anno, con una intensa attività di sala operatoria; lo stesso primario svolge libera attività professionale ed a capo del Dipartimento Materno-infantile.
Questa OO.SS. chiede di conoscere perché non è stato dato seguito all’iter concorsuale per i due posti di direttore medico di presidio vacanti?
Perché la Direzione sanitaria di due presidi ospedalieri come quelli di Piazza Armerina ed Enna, incarico complesso e faticoso, non viene affidato a figure previste dalla legge e con un percorso professionale e formativo adeguato?
Peraltro si tratta di un incarico che deve essere svolto a tempo pieno e non affidato a primari che disimpegnano altri incarichi, peraltro prossimi alla pensione.
In attesa di cortese riscontro.

Ecco il link dell’articolo precedentemente pubblicato su Messina Medica:

https://www.messinamedica.it/2020/06/asp-messina-nominati-i-nuovi-responsabili-delle-direzioni-mediche-degli-ospedali-di-patti-e-di-s-agata-m-llo/