La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Chiarimenti in merito alle procedure per l’erogazione di farmaci in DPC NON SOSTITUIBILI CON ADR

Chiarimenti in merito alle procedure per l’erogazione di farmaci in DPC NON SOSTITUIBILI CON ADR

Views: 56

In allegato la nota dell’ASP Messina, mentre qui di seguito la relativa comunicazione di Federfarma (per eventuale utilità):

Chiarimenti in merito alle procedure per l’erogazione 

di farmaci in DPC NON SOSTITUIBILI PER ADR

In riferimento alla nota dell’ASP di Messina, prot. 100059 del 23/05/2024 in allegato, si ribadisce che quando nella prescrizione medica dei farmaci DPC risulta inserita la clausola:

NON SOSTITUIBILE effettuato invio ADR prot. n. XXXXXXXXX

(ATTENZIONE!!! Questa è l’unica clausola di NON Sostituibilità ammessa nella DPC)

la farmacia è tenuta alla trasmissione della ricetta all’indirizzo farmaceuticaconvenzionata@asp.messina.it affinché l’ufficio preposto possa verificare la presenza e correttezza dell’ADR e indirizzare il paziente circa la fornitura.

In particolare, nella nota viene specificato che l’attestazione ADR deve riferirsi al farmaco oggi proposto per la fornitura DPC, ad esempio:

Se la scheda ADR trasmessa all’ASP si riferisce alla specialità CLOPIDOGREL KRKA*28CPR 75MG [ 039482031 ], acquistata in precedenza, e in questo momento la specialità proposta dall’ASP per la fornitura invece è CLOPIDOGREL ZEN*28CPR RIV 75MG [ 039599030 ] non può più essere fatta valida la precedente attestazione ADR.

Nel caso in cui anche questa specialità procurasse all’utente reazioni avverse, il medico è tenuto a inviare all’ASP nuova specifica scheda ADR per CLOPIDOGREL ZEN e, quindi, potrà inserire nella ricetta la clausola indicata in premessa.