La testata digitale dell'OMCeO Messina
 
Fluidificanti del sangue e COVID: la cura sulla base dei risultati clinici ottenuti

Fluidificanti del sangue e COVID: la cura sulla base dei risultati clinici ottenuti

Views: 172

La ricerca ACTIV-4 ha fornito ai medici una guida per il trattamento e la riduzione dei rischi di gravi esiti di COVID correlati all’infiammazione e alla coagulazione del sangue

Quando SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 , è emerso per la prima volta alla fine del 2019, i ricercatori si sono rapidamente riuniti per comprenderne gli effetti e capire come fermarne la diffusione. Presto, le telefonate notturne e le collaborazioni globali si sono trasformate in alleanze internazionali, tra cui Accelerating COVID-19 Therapeutic Interventions and Vaccines (ACTIV) supportata da NIH, una partnership pubblico-privata iniziata nell’aprile 2020 (https://www.nih.gov/research-training/medical-research-initiatives/activ).
Uno degli obiettivi principali è stato quello di valutare in che modo i fluidificanti del sangue e i farmaci anti-coagulazione possono ridurre al minimo i rischi di gravi complicanze da COVID.
Il frequente rilievo su numerosi pazienti deceduti per di COVID di coaguli ematici disseminati in tutto il corpo è stata ipotizzata come causa letale della malattia, associata, comunquea, a diversie complicazioni per danneggiamento multiorgano a causa di infarto, ictus ed embolia polmonare.
Dai dati emersi dagli studi ACTIV I fluidificanti del sangue non aiutano le persone con malattie lievi a riprendersi a casa. Attraverso lo studio ambulatoriale ACTIV-4 sono stati arruolati oltre 500 adulti, di età compresa tra 40 e 80 anni (https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT04498273?term=ACTIV-4+outpatient&draw=2&rank=1). Lo studio ha incluso tre gruppi di trattamento: uno trattato con aspirina due volte al giorno per 45 giorni; gli altri due hanno assunto una dose maggiore o minore di apixaban per la stessa durata. Un quarto gruppo è servito come controllo assumendo un placebo.
In media, solo una persona di ciascun gruppo (quindi una su oltre 150 soggetti studiati), incluso il controllo, ha avuto una complicazione maggiore. Tuttavia, la coagulazione del sangue era rara e i partecipanti di tutti e quattro i gruppi hanno avuto risultati simili. Di conseguenza, i ricercatori hanno concluso il processo prima del previsto, nel giugno 2021 (https://www.nhlbi.nih.gov/news/2021/doctors-find-no-benefit-prescribing-anti-clotting-medications-or-blood-thinners-covid-19). Si è così compreso che non era necessario prescrivere farmaci anti-coagulazione per i pazienti con nuova diagnosi di COVID che presentavano quadri non complicati che non richiedevano il ricovero in ospedale urgente perché il rischio di complicanze era basso e la rinuncia al trattamento avrebbe evitato complicazioni più probabili.
A quasi tre anni dopo l’inizio dello studio, i ricercatori sono stati in grado di offrire ulteriori approfondimenti sul motivo per cui la coagulazione del sangue era rara tra molte persone con malattia lieve.
In primo luogo, quando i test COVID sono diventati disponibili, più persone hanno riportato i loro risultati e risultati. Come questo studio ambulatoriale, hanno dimostrato che la maggior parte dei giovani adulti, salvo rischi sottostanti, poteva riprendersi bene a casa. L’uso dei vaccini si è dimostrato altamente efficace nel ridurre i rischi di gravi evoluzioni della malattia.
L’evidenza scientifica cei risultati raggiunti ha consentito la fine anticipata dello studio evitando ulteriori rischi per i pazienti sottoposti a terapia.
Elevati dosi di fluidificanti ematici aiutano, invece, i pazienti ospedalizzati.
Con lo studio sui pazienti ricoverati ACTIV-4, è stato confermato che dosi più elevate di eparina a basso peso molecolare hanno migliorato i risultati per i pazienti con malattia moderata, nei casi di malattia più grave non è stata confermata questa necessità per evitare rischi di sanguinamento e prolungare la necessità di cure critiche (https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT04505774?term=ACTIV-4&draw=2).
Numerose conferme sono successivamente riportate da altri studi internazionali, tra cui lo studio randomizzato, integrato, multifattoriale, con piattaforma adattiva per la polmonite acquisita in comunità (REMAP-CAP) e la terapia antitrombotica per migliorare le complicanze della COVID-19 (ATTACCO). È stato documentato che il 4% degli adulti che hanno ricevuto eparina ha avuto risultati migliori rispetto a quelli che hanno ricevuto la dose preventiva. Avevano meno probabilità di ricevere cure intensive e maggiori probabilità di essere dimessi dall’ospedale entro 21 giorni.
A seguito di questi risultati , le linee guida per l’assistenza clinica NIH sono state immediatamente aggiornate per raccomandare ai medici di fornire una dose completa di eparina ai pazienti ospedalizzati con malattia moderata (https://www.covid19treatmentguidelines.nih.gov/). Con il progredire di ACTIV e di altri studi sulla piattaforma adattiva i ricercatori hanno anche scoperto che altre variabili, incluso il BMI, potrebbero influenzare le decisioni terapeutiche (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2802856?utm_campaign=articlePDF&utm_medium=articlePDFlink&utm_source=articlePDF&utm_content=jama.2023.3651).
Ad esempio, gli adulti con malattia moderata che erano affetti da obesità (il loro indice di massa corporea era almeno 30) e che avevano ricevuto una forte dose di eparina, avevano una maggiore possibilità di sperimentare esiti peggiori, come la necessità di terapia intensiva.
L’uso dei fluidificanti del sangue ha dimostrato di non ridurre i rischi di coagulazione tra i pazienti che hanno lasciato l’ospedale come riportato dallo studio di convalescenza ACTIV-4 che ha arruolato più di 1.200 pazienti per verificare se una dose inferiore di apixaban potesse ridurre il rischio di coagulazione del sangue o morte entro i primi 30 giorni dopo che i pazienti hanno lasciato l’ospedale (https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT04650087). Circa il 2% delle persone nel gruppo di trattamento e il 2% nel gruppo di controllo hanno sviluppato patologie secondarie ad una coagulazione anomala o sono deceduti.